I ricercatori hanno identificato un farmaco che può rigenerare i denti dall’interno, riducendo la necessità di otturazioni artificiali.

Loading...

Il farmaco è stato precedentemente usato in studi clinici per  l’Alzheimer ma ora si è notato che lo stesso farmaco può migliorare la capacità naturale del dente a guarire se stesso. Agisce attivando cellule staminali all’interno del dente, spingendo l’area danneggiata a rigenerare la dentina,  materiale che costituisce la maggior parte di un dente.

“La semplicità del nostro approccio lo rende ideale come prodotto dentale clinico per il trattamento naturale delle grandi cavità, fornendo sia la protezione della polpa che il ripristino della dentina,” ha detto l’autore Paul Sharpe dal King College di Londra.

“Inoltre, utilizzando un farmaco che è già stato testato in studi clinici per il morbo di Alzheimer si offre una reale opportunità di ottenere rapidamente questo trattamento dentale.”

Loading...

Dopo che un dente è danneggiato la polpa morbida al centro può essere esposta, aumentando il rischio di infezione.

Per evitare questo, i nostri corpi creano un sottile strato di dentina (tessuto calcificato che costituisce la maggior parte di un dente) che aiuta a bloccare il materiale esterno che cerca di farsi strada all’interno.

Questo processo non è sufficiente per fermare le grosse cavità dall’esposizione della polpa vulnerabile, ed per questi motivi che i dentisti riempiono la zona con otturazioni artificiali , un trattamento che funziona certo ma non è l’ideale.

“Il dente non è solo un grumo di minerale, ha una propria fisiologia. Si sta sostituendo un tessuto vivo con un cemento inerte”,  ha detto Sharpe Hannah Devlin al The Guardian riguardo alle otturazioni.

“Le otturazioni funzionano bene, ma se il dente si ripara, sicuramente è il modo migliore perché si sta ripristinando tutta la vitalità del dente”.

Sharpe e il suo team hanno scoperto che potrebbero usare il farmaco Tideglusib, già usato per il morbo di Alzheimer, per stimolare le cellule staminali all’interno del dente rigenerando l’intera struttura senza bisogno di aggiungere qualsiasi sostanza estranea. In altre parole, senza otturazioni.

Per capire questo, i ricercatori hanno utilizzato il Tideglusib sui denti danneggiati di alcune cavie. Il farmaco è stato applicato alle cavità con una spugna di collagene biodegradabile imbevuta di molecole di Tideglusib, quindi tutto è stato sigillato all’interno. Dopo diverse settimane, il team ha visto che la spugna di collagene si era degradato, e i denti hanno rigenerato abbastanza dentina per colmare la lacuna.

Il processo è molto simile ad un normale riempimento delle cavità, ma invece di mettere in un riempitivo artificiale, i medici stanno incoraggiando la crescita di dentina, portando i denti a rigenerarsi da soli nel lungo periodo.

Considerando che la tecnica finora è stata testata solo su cavie da laboratorio, c’è ancora un po di strada da fare per avere la conferma che gli stessi risultati si possono replicare negli umani.

Il piano della squadra per trasferirsi se gli ultimi risultati sono positivi, la sperimentazione umana potrebbe essere sulle carte.

La buona notizia è che il Tideglusib e le spugne di collagene utilizzati nella procedura hanno entrambi superato le sperimentazioni cliniche per altri trattamenti.

Questo non è l’unico sforzo per migliorare il modo in cui effettuare le otturazioni –  nel 2015, un altro team nel Regno Unito ha annunciato che stanno sviluppando un ‘tappo pulp’ che può essere inserito nel dente per stimolare le cellule staminali e innescare la crescita della dentina.

E un altro studio a partire dal 2015, questa volta dai ricercatori in Australia, ha scoperto che la carie potrebbe essere invertita con un fluoruro di vernice ad alta concentrazione prima di formare le cavità.

Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere prima che queste opzioni siano disponibili presso il nostro dentista, ma i ricercatori sono determinati a migliorare l’igiene orale… una buona notizia per tutte quelle persone che temono il trapano.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: