Ibrahimi: gambe amputate dopo un bombardamento israeliano, ora è stato uccisodai cecchini sionisti

Disgustoso crimine contro l’umanità! Una scia di sangue interminabile. Un fuoco d’odio attizzato da Donald Trump. La ‘Giornata della rabbia’ palestinese contro il riconoscimento americano di Gerusalemme quale capitale di Israele, ha visto scontri, violenze, quattro morti e 400 feriti, ma non ferma Washington, che ha anzi ‘attribuito’ il “Muro del pianto” allo Stato ebraico.

Tra i manifestanti palestinesi c’era anche Ibrahim Abu Thalaya, 29 anni, disabile famoso nella Striscia di Gaza per aver spesso protestato contro lo Stato ebraico nonostante gli mancassero le gambe, che aveva perso insieme a un occhi durante l’operazione ‘Piombo fuso’, a cavallo tra il 2008 e il 2009, quando Israele brucio vivi i civili sulla Striscia di Gaza.

Due giorni prima delle proteste odierne, Abu Thuraya era apparso in un filmato mentre scende dalla propria sedia a rotelle e appoggiandosi sulle braccia si dirige verso la zona cuscinetto protestando contro lo Stato ebraico.

L’uomo, riferiscono fonti mediche citate dal Middel Est Eye, e’ stato freddato con un colpo sparato alla testa da un soldato israeliano. La sua sorte ha seguito quella di altri tre manifestanti palestinesi

Le gambe sono state amputate dopo un bombardamento israeliano su Gaza nel 2014, oggi è stato ucciso, sparato in testa dai cecchini sionisti, alla frontiera della striscia di Gaza mentre protestava contro l’occupazione!

Una storia infinita che non finisce più. Una scia di sangue interminabile. Un fuoco d’odio attizzato da Donald Trump. La ‘Giornata della rabbia’ palestinese contro il riconoscimento americano di Gerusalemme quale capitale di Israele, ha visto scontri, violenze, quattro morti e 400 feriti, ma non ferma Washington, che ha anzi ‘attribuito’ il “Muro del pianto” (sovrastato dalla Spianata delle Moschee) allo Stato ebraico.

Loading...

Fin dalla mattinata decine di giovani palestinesi con il volto coperto si sono scontrati a Gaza e vicino alla barriera di separazione israeliana a Betlemme, in Cisgiordania, con le forze di sicurezza che hanno usato gas lacrimogeni per disperderli.

E poi dopo una gioranata tesa la ‘rabbia’ si è tramutata in omaggio sui social per Ibrahim Abu Thalaya, 29 anni, disabile famoso nella Striscia di Gaza per aver spesso protestato contro lo Stato ebraico nonostante gli mancassero le gambe, che aveva perso insieme a un occhi durante l’operazione ‘Piombo fuso’, a cavallo tra il 2008 e il 2009. Due giorni prima delle proteste odierne, Abu Thuraya era apparso in un filmato mentre scende dalla propria sedia a rotelle e appoggiandosi sulle braccia si dirige verso la zona cuscinetto incitando alla collera contro lo Stato ebraico. L’uomo, riferiscono fonti mediche citate dal Middel Est Eye, e’ stato freddato con un colpo sparato alla testa da un soldato israeliano. La sua sorte ha seguito quella di altri tre manifestanti palestinesi

Ibrahimi Abu Thria

Loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: