Esperimento in Calabria: paese risparmia sui rifiuti grazie alle galline

Loading...

A Longobardi, paese in provincia di Cosenza sulla costa tirrenica, si risparmia sui rifiuti grazie alle galline. L’idea bizzarra, ma non troppo, è venuta al sindaco Giacinto Mannarino che ha avviato l’iniziativa che prende il nome di «Gallina vecchia fa buon brodo», facendo un calcolo matematico che garantisce un risparmio all’Ente di centinaia di migliaia di euro. Due galline a famiglia mangiano all’incirca 300 chili di rifiuti alimentari all’anno. In più essendo anche ovaiole, producono 400 uova all’anno per il fabbisogno familiare e, inoltre, una discreta quantità di pollina, ottimo fertilizzante per orti.

L’esperimento, ha portato ottimi risultati già l’anno scorso e consente di conferire in discarica il minimo indispensabile di rifiuti organici, che oltre al risparmio in termini di costi, aiuta a mantenere pulito l’ambiente. Longobardi è un Comune di 2.200 anime che si estende su un territorio rurale di 19 chilometri quadrati: ogni famiglia possiede un piccolo orto e questo ha facilitato l’iniziativa del Comune. In effetti, come scritto nella delibera comunale numero 45 del primo giugno 2017, «la quantità totale di rifiuti conferita in discarica dall’istituzione della raccolta differenziata relativa al 2015, è progressivamente diminuita, effetto reso possibile grazie allo smaltimento in proprio dei rifiuti organici da parte dei contribuenti che ne hanno fatto espressa richiesta della coppia di galline».

Come si può immaginare prima di donare i volatili alle famiglie il comune ha comunque voluto esercitare alcuni obblighi. L’immobile del residente, innanzitutto, deve essere in regola dal punto di vista urbanistico; deve avere nelle proprie disponibilità un giardino di almeno 30 metri quadrati e occorre essere in regola con i pagamenti della Tari. Un requisito determinante, poi, è quello di impegnare le famiglie che riceveranno le galline a tenerle per due anni, rispettando il principio del benessere degli animali. Il Comune, inoltre, attraverso propri dipendenti, potrà accedere in ogni momento nelle abitazioni per eventuali controlli di verifica sullo stato di salute delle galline.

Loading...

Vedi qui il video

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: