Educazione ambientale: presto nelle scuole italiane

Loading...

Il governo ha stanziato 1,3 milioni destinati alle scuole di ogni ordine e grado per creare percorsi educativi a tema ambientale. Il protocollo d’intesa tra il ministero dell’istruzione e quello dell’ambiente mette così ordine alle tante iniziative che vengono da tempo realizzate all’interno delle nostre scuole per sensibilizzare bambini e ragazzi, fin da giovanissimi, su temi come la sostenibilità ambientale e la qualità dello sviluppo.

Oltre all’insegnamento delle norme di educazione ambientale e alla messa in pratica di progetti e attività pratiche su iniziative autonome delle scuole, il piano prevede anche programmi di formazione e aggiornamento per i docenti e per il personale amministrativo, tecnico e ausiliario delle scuole.

Non solo. Il piano nazionale di educazione ambientale prevede anche interventi per la qualificazione e riqualificazione degli spazi educativi e degli edifici scolastici, nel rispetto della sostenibilità ambientale e di una migliore efficienza energetica. Inoltre Saranno promosse azioni e iniziative che favoriscano lo sviluppo di esperienze scuola-lavoro nel settore della green-economy ed esperienze didattiche sul campo, come per esempio viaggi d’istruzione in contesti naturali come aree protette italiane e aree di interesse naturalistico.

Loading...

Un comitato paritetico curerà l’attuazione del Protocollo e delle attività connesse. Tra le prime azioni in agenda, c’è il lancio di un bando di concorso: ai ragazzi sarà proposto di realizzare lavori basati sull’approfondimento della conoscenza del patrimonio naturale del proprio territorio.

«Dobbiamo proteggere il pianeta, il nostro ambiente. Il governo è intenzionato a portare avanti questi principi» ha detto il ministro Marco Bussetti comunicando il Piano davanti a una platea di ragazzini.

Fonte DolceVitaOnline

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: