Combattere il cancro con l’alimentazione: ‘Manteniamo basse le infiammazioni’ – Dr. Franco Berrino

Loading...

Nel video sottostante il dottor Franco Berrino, epidemiologo e nome di punta dell’Istituto dei Tumori di Milano, spiega il secondo dei 4 pilastri alimentari nella prevenzione delle recidive del cancro.

Combattere il cancro con l’alimentazione e prevenire le recidive è possibile e il dottor Berrino promuove l’educazione alimentare e il movimento come via della salute.

“Un altro fattore molto importante per la crescita delle cellule tumorali sono le infiammazioni. L’infiammazione è una difesa dell’organismo: quando ci feriamo, per esempio quando ci infiliamo una spina in un dito, arrivano le cellule dell’infiammazione, si mangiano i microbi, aiutano a espellere questa spina e producono delle sostanze che si chiamano citochine infiammatorie, che comandano ai tessuti vicini e alle cellule vicine di proliferare per riparare il danno e dopo qualche giorno, qualche settimana tutto torna come prima. È una meravigliosa capacità rigenerativa del nostro organismo, ma quando c’è un tumore che stimola l’infiammazione allora le cellule dell’infiammazione magari riescono a mangiarsi il tumore, ma se non riescono a mangiarsi il tumore producono queste sostanze di cui ne approfitta il tumore stesso.

Loading...

Chi ha le sostanze dell’infiammazione verso l’alto dei valori normali si ammala di più di cancro.

Si è detto che il tumore è come se fosse una “ferita che non può guarire” perché più cerchiamo di farla guarire più ne stimoliamo la crescita: per cui bisogna tenere basse le infiammazioni nel sangue. Tutti noi abbiamo le molecole dell’infiammazione nel sangue su bassi livelli, che si alzano quando abbiamo una malattia infiammatoria, però si è visto che chi ha queste sostanze dell’infiammazione verso l’alto dei valori normali si ammala di più di cancro, e se si ammala di più di cancro, si ammala di più di recidive e metastasi. Questo è dimostrato molto bene per i tumori della mammella e per i tumori dell’intestino per esempio.

Come si fa a tenere bassa l’infiammazione?

Ci sono due cose da fare: una è di tenere bassa la glicemia, perché se la glicemia è alta lo zucchero e le proteine del plasma si legano alle nostre macromolecole e cause dei prodotti che si chiamano “age”, dei prodotti avanzati della glicazione delle proteine, che attivano i geni dell’infiammazione. L’altro fattore è l’esagerata ricchezza nella nostra alimentazione di cibi di provenienza animale, che sono ricchi di acido arachidonico, che è il precursore delle prostaglandine infiammatorie. Quindi riduciamo la carne.
Riduciamo la carne, ma non il pesce, fonte preziosa di omega 3.

Riduciamo i cibi di provenienza animale, con l’eccezione del pesce, perché il grasso del pesce, gli omega 3 del pesce, sono i precursori delle prostaglandine antinfiammatorie. Alcuni omega 3 ci sono anche in sostanze vegetali. Vale la pena avere nell’alimentazione sostanze che hanno un’azione antinfiammatoria: i polifenoli che ci sono per esempio nei cereali integrali, il riso integrale (non il riso bianco), che è ricco di polifenoli antinfiammatori, in particolare la tricina. Queste cose sono solidamente documentate, per cui è prudente avere un’alimentazione che tenga basse le infiammazioni”.

Combattere il cancro con l’alimentazione: Perché bisogna mantenere bassa la glicemia

Mantenere bassa la glicemia è il primo dei 4 pilastri alimentari nella prevenzione delle recidive del cancro. Il dottor Berrino ne parla nel video che potete vedere sotto:

 

Fonte ForteSano

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: