Studio collega prodotti chimici da prato a due tipi di cancro nei cani

Uno studio durato sei anni della scuola di medicina veterinaria di Tufts University, ha collegato i pesticidi da prato al linfoma maligno del cane (CML). Sulla base dei risultati, lo studio ha rilevato che “in modo specifico, l’uso di pesticidi professionali è stato associato a un significativo 70% di rischio in più di CML. In particolare l’uso dell’erbicida 2,4-D (fenossi-derivati).

Un’altro studio ha concluso che gli erbicidi 2,4-D e altri prodotti chimici per il prato (meglio orientarsi verso prodotti naturali per il prato) aumentato il rischio del ancro della vescica. Pubblicato sul Journal of the American Veterinary Medical Association, lo studio esamina il potenziale aumento di incidenza dei tumori della vescica nei cani a contatto con cortili o giardini trattati con erbicidi e insetticidi.

In particolare, lo studio ha considerato il tumore vescicale più comune nel cane, il carcinoma a cellule di transizione (TCC). La prevalenza di TCC nei cani visitati presso le cliniche veterinarie universitarie del Nord America è aumentata del 600% tra il 1975 e il 1995. Scottish Terrier, Shetland Sheepdog, Fox Terrier a pelo ruvido e West Highland White Terrier hanno mostrato un aumento significativo di incidenza rispetto ai meticci. Ciò suggerisce una predisposizione genetica al TCC nei terrier e in particolare negli Scottish Terrier.

Ai proprietari di Scottish Terrier con TCC (n = 83) e di Scottish Terrier con altri problemi di salute (n = 83) è stato sottoposto un questionario per valutare l’esposizione dei cani a sostanze chimiche per giardini nell’anno precedente la diagnosi di TCC e per lo stesso periodo nei cani di controllo.

Il rischio di TCC era sigificativamente aumentato nei cani esposti a giardini trattati con erbicidi e insetticidi o soltanto con erbicidi. I cani esposti ai soli insetticidi mostravano invece un aumento non significativo del rischio di TCC rispetto ai cani esposti a giardini non trattati.

In generale, il rischio di TCC era maggiore tra i cani esposti a erbicidi fenossi-derivati, i più comunemente utilizzati.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: