Perché questa Mappa non è nei libri di storia?

A scuola i bambini di 10 anni negli stati uniti studiano tutti i 50 stati che compongono il paese. Ma secoli fa, gli Stati Uniti erano un posto molto diverso da quello che oggi viene insegnato a scuola . Più di 20 milioni di nativi americani divisi in oltre 1.000 tribù distinte, bande e gruppi etnici popolavano quel territorio. Oggi, i nativi americani rappresentano solo l’1,5 per cento della popolazione, e gran parte della loro storia è andata perduta, in particolare nel sistema educativo di oggi, manca la vera storia dei Nativi quando si tratta di insegnare la storia ricca e complessa degli Stati Uniti. Qui esaminiamo i fatti circa i nativi americani, che dovrebbero essere inclusi in ogni libro di storia.

Tribes
A partire dal gennaio 2016, ci sono 566 tribù legalmente riconosciute, di nativi americani negli Stati Uniti, questo secondo quanto stabilito dal Bureau of Indian Affairs.

Prima del contatto europeo, ci sono state oltre 1.000 tribù, gruppi o clan, e purtroppo, la maggior parte di loro si sono completamente estinte a seguito di epidemie, di malattie o a causa della guerra.

Oggi, non c’è una sola mappa storica che rispecchia le posizioni delle tribù di nativi americani in Nord America, in quanto la situazione di contatto post-europeo è stata in continua trasformazione.

 

Regioni
Le tribù dei nativi americani negli Stati Uniti in genere erano divise in 8 regioni distinte, all’interno delle quali le tribù avevano alcune somiglianze attraverso la cultura, la lingua, la religione, i costumi e la politica.

Northwest Coast -i nativi americani qui non avevano bisogno di coltivare piante e gli animali erano lasciati liberi. Essi oggi sono noti per i loro totem, le canoe in grado di contenere fino a 50 persone, e le case fatte di tavole di cedro.

California – Oltre 100 tribù di nativi americani un tempo vivevano lì. Pescavano, cacciavano, coltivavano la terra e riuscivano a macinare una specie di “ghiande” per farne farina.

Il Plateau – L’altopiano, i nativi americani vivevano nella zona tra Cascade Mountains e le Montagne Rocciose. Per proteggersi dal freddo, molte case erano costruite in parte interrate per trattenere il calore.

Il Great Basin –  Nevada, Utah e Colorado, i nativi americani del Great Basin hanno dovuto sopportare un clima caldo e secco e hanno dovuto scavare e sudare per il loro cibo. Fu uno degli ultimi gruppi ad aver contatto con gli europei.

Il sud-ovest – nativi del sud-ovest hanno creato case a più livelli fatte di mattoni di adobe. Molte delle tribù avevano agricoltori qualificati, diverse colture e inoltre hanno creato dei sofisticati canali di irrigazione. Le tribù famose qui includono Navajo, Apache, e gli indiani Pueblo.

La Piana – Le Great Plains, gli indiani erano noti per la caccia ai bisonti, bufali e antilopi, che gli hanno fornito da sempre cibo abbondante. Erano nomadi e vivevano nelle “tepee” si muovevano seguendo costantemente le mandrie.

Northeast – I nativi americani del Nord-Est hanno vissuto in una zona ricca di fiumi e foreste. Alcuni gruppi sono stati costantemente in movimento dunque nomadi, mentre altri si sono stabiliti lungo i fiumi.

Il sud-est – La maggior parte delle tribù dei nativi americani qui erano contadini qualificati e tendevano a rimanere in un unico posto. La più grande tribù di nativi americani vissuta nel sud-est furono i Cherokee.

 

Le lingue
Si stima che ci sono state circa mille lingue parlate nel territorio prima dell’arrivo degli europei.

Oggi, ci sono circa 296 lingue indigene in tutto il Nord America. 269 ​​di loro sono raggruppate in 29 famiglie, mentre le restanti 28 lingue sono isolate o non classificati.

Nessuna delle lingue native del Nord America aveva un sistema di scrittura. Tuttavia, le lingue parlate non erano né primitive né semplici. Molti avevano sistemi grammaticali complessi come quelli del russo e del latino.

C’era (ed è) un enorme varietà tra le lingue. Le persone provenienti da clan o tribù a sole cento miglia di distanza a volte erano del tutto in grado di comunicare tra loro. Le tribù per rimediare usavano spesso una forma di linguaggio dei segni per comunicare.

Secondo l’UNESCO, la maggior parte delle lingue indigene del Nord America sono in pericolo d’estinzione, e molte sono già estinte.

Negli Stati Uniti, la lingua Navajo è la lingua dei nativi americani più parlata.

Rivisitato da La verità di Ninco Nanco

da essere-informati

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: