“Pedofilia amore normale” La folle idea in Germania

L’Università di Würzburg in Germania ha ospitato una Ted Talk sul tema “Future Societys”. Tra gli speaker presenti c’era anche Mirjam Heine, una studentessa di medicina che ha fatto un discorso controverso dal titolo “Perché la nostra percezione sulla pedofilia deve cambiare “.

Il video:

“La pedofilia è un orientamento sessuale naturale”

Nella sua presentazione, Heine ha citato alcune ricerche scientifiche che classificano la pedofilia come “un orientamento sessuale immutabile”. Come si legge dal programma dell’evento, la studentessa si ispira al lavoro di un certo dottor Klaus Beier, direttore del dipartimento di sessuologia del Charite, considerato uno dei migliori ospedali universitari di Berlino.

Secondo Heine, nessuno è responsabile del proprio orientamento sessuale e dei propri sentimenti, “ma ognuno è responsabile delle proprie azioni riguardo a essi”. In poche parole, quindi, i pedofili andrebbero accettati perché non possono cambiare i loro desideri. Loro, però, hanno il compito di imparare a controllarli. Ma la domanda sorge spontanea: esistono davvero pedofili che riescono a non dare sfogo alle loro perversioni?

Pedofili descritti come vittime

La studentessa racconta poi la storia di un diciannovenne, Jonas, uno studente di legge di Monaco che è attratto dalle bambine di età compresa tra i sei e 12 anni. “Jonas ha un segreto che pensa di non potere condividere con nessuno. Nemmeno con i suoi genitori o con il suo migliore amico. Ha troppa paura della rabbia, del rifiuto e della repulsione. Jonas sa che deve farlo: sopprimere per tutta la vita la sua pulsione sessuale. E sa anche che non troverà mai un amore appagante. Perché Jonas è un pedofilo che è solo attratto dalle bambine che hanno dai sei ai 12 anni”, racconta Heine di fronte all’auditorio dell’università.

Loading...

Come si può evincere dalle sue parole, Jonas è quindi presentato come una “vittima” all’interno della società. Heine cita poi una ricerca scientifica non specificata secondo la quale bisognerebbe sempre distinguere tra chi abusa sessualmente dei minori e chi, invece, è solo pedofilo ma non dà sfogo alle proprie perversioni.

Dopo questa introduzione, la donna cerca poi di convincere il pubblico che, secondo la scienza, la pedofilia va accettata in quanto è paragonabile all’eterosessualità: è quindi un orientamento sessuale come un altro. Insomma, un’assurdità.

“Se noi li isoliamo, loro abusano”

Heine prosegue il discorso e cerca di spiegare qual e la differenza tra la pedofilia e gli altri orientamenti sessuali. In poche parole, la differenza starebbe nel fatto che i pedofili non sono liberi di parlare delle loro preferenze sessuali, in quanto, se lo fanno, succede un putiferio. Secondo lei, quindi, noi dovremmo evitare di isolarli.

Poi, sempre citando alcune ricerche scientifiche non chiare, la studentessa afferma che più un pedofilo è isolato, più aumenta la probabilità che questo abusi di un bambino. In sostanza, il suo punto di vista sottinende che da una parte, se abusano, è pure colpa nostra.

A chi si ispira la studentessa

Il medico Klaus Beier, al quale si è ispirata Mirjam Heine per la sua Ted Talk, oltre a essere direttore del dipartimento di sessuologia del Charite, dirige anche un discusso programma di prevenzione per pedofili sempre all’interno dell’ospedale universitario di Berlino.

L’iniziativa si chiama Kein Tater Werden, che tradotto dal tedesco significa “Non offendere”. Come riporta l’Indipendent in un articolo di due anni fa, l’obiettivo del corso è insegnare ai pedofili come controllare i loro impulsi sessuali nei confronti dei bambini.

Al programma, lanciato circa 13 anni fa, partecipano potenziali criminali sessuali e anche coloro che hanno commesso reati sessuali ma sono riusciti a farla franca con la giustizia tedesca.

“La pedofilia non è curabile”, aveva spiegato Beier al quotidiano inglese. “Ma può essere trattabile”. Secondo il medico, quindi, un pedofilo può imparare a controllare i suoi impulsi.Il progetto si fonda infatti sul principio che l’attrazione sessuale verso i bambini è sì un problema medico ma, come ha affermato Beier, “non è un crimine” fino a quando non si abusa.

Loading...

“Le società devono accettare la pedofilia”

Klaus Beier  ha rilasciato un’intervista al Times of India a marzo del 2017. Dalle sue parole risulta ancora più chiaro il legame con la studentessa di medicina che ha tenuto la Ted Talk. “La pedofilia è una realtà e le società sane devono imparare ad accettarla”, afferma il medico. Secondo Beier,  la perversione sessuale verso i bambini è da considerarsi un “destino” e non una scelta. Per questo, quindi, dovremmo accettarla.

Ted ha rimosso il video

Il video, alla fine, è stato rimosso da YouTube e dalla pagina ufficiale di Ted dopo che la studentessa di medicina ne ha fatto espressamente richiesta. “Abbiamo appreso che l’oratrice ha chiesto che venisse rimosso da Internet perché aveva serie preoccupazioni per la sua sicurezza”, si legge sul blog di Ted.

In una nota, poi, Ted ha spiegato che, a parte le conferenze annuali dell’organizzazione non profit, gli altri eventi firmati “Ted” sono organizzati in modo indipendente. Come, appunto, quello dell’Università Würzburg.

Fonte Gli Occhi della Guerra

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: