Il palese conflitto d’interessi tra le case farmaceutiche e la salute delle persone

Capitalismo e salute non vanno d’accordo, curare un paziente vuol dire perderlo, questo è il conflitto d’interessi più grave del mondo.

Altro che la Boschi e la baca di famiglia, altro che Berlusconi e le sue televisioni private, stiamo parlando della salute di tutta la razza umana, mercificata anch’essa in un ingranaggio che vale 100 miliardi ed oltre di introiti l’anno, insomma, con la malattia delle persone si guadagnano soldoni.

Gente senza scrupoli, uomini e donne senza morale, sono coloro che cercano ogni giorno di cronicizzare le malattie dei loro pazienti, oppure danno loro medicinali palesemente in conflitto con la prima legge di Ippocrate, che recita: “non nuocere”, insomma se tu che sei un medico è hai moralmente prestato il giuramento di Ippocrate, come fai a somministrare farmaci che contengono mercurio, alluminio e nanoparticolato?

La coscienza non si compra si è, chi non è non lo potrà mai comprendere, fate molta attenzione, fidarsi è bene ma a volte come recita il proverbio non fidarsi è meglio. È sempre utile fare le vostre ricerche e ascoltare più “specialisti” se è il caso per trovare tutte le risposte alle vostre domande senza tralasciare il minimo dubbio, usate la testa e ragionate in maniera indipendente.  Fonte

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: