Oxford, vaccinati migliaia di bambini africani: un vaccino che non ha funzionato nei test sulle scimmie 

Un rapporto inquietante: gli scienziati della prestigiosa Università di Oxford hanno ignorato i dati provenienti da un vaccino contro la tubercolosi nei primati (ha portato alla morte delle cavie in poco tempo) e hanno portato avanti un programma di test di inoculazione, iniettandolo a migliaia bambini in Africa.

Il professor Peter Beverley di Oxford ha dichiarato  alla BBC che gli scienziati avevano previsto di testare il nuovo vaccino sulla tubercolosi su più di un migliaio di neonati senza condividere quei dati che suggerivano che le scimmie una volta data l’immunizzazione sembravano “morire rapidamente“.  Certamente qui in questo esperimento non c’era alcuna prova che questo fosse un vaccino efficace “, ha dichiarato Prof. Beverley.

Nello studio fatto sulle scimmie, cinque su sei degli animali infetti da TB che hanno ricevuto il vaccino sperimentale, sono diventati “molto cattivi” indomabili, e sono stati abbattuti.

Il foglio informativo dato alle famiglie in Sudafrica invece, diceva che il vaccino era stato testato sia sugli animali e sia sugli esseri umani ed era “sicuro ed efficace”.


Il professor Jimmy Volmink, Professore della Facoltà di Medicina presso l’Università di Stellenbosch, ha dichiarato al The Telegraph che  la scheda informativa mentiva spudoratamente sulle prove dello studio. L
e persone colpite dalla tubercolosi nel Suafrica sono spesso povere e “non molto istruite”, ed era di fondamentale importanza dare “informazioni chiare e comprensibili“.
Quasi 1.500 bambini in Sudafrica hanno ricevuto il nuovo vaccino e i genitori sono stati pagati circa 10 euro per partecipare.

La prova sui bambini è iniziata nel luglio 2009 e quasi la metà dei 2.800 neonati che hanno partecipato ha ricevuto il nuovo vaccino.

Nel 2013 è stato annunciato l’esito della sperimentazione sui neonati concludendo che il nuovo vaccino non offriva alcuna protezione.

Il professor Beverley, principale ricercatore associato presso l’Università di Oxford fino al 2010, si è lamentato formalmente all’università.

È stata lanciata un’inchiesta e poi concluso che, non vi era stato nessuno errore di metodo. I poveri del mondo usati come cavie per dieci fottuti euro infondo è normale routine, no, non è un crimine per loro.

 

loading...

Un pensiero riguardo “Oxford, vaccinati migliaia di bambini africani: un vaccino che non ha funzionato nei test sulle scimmie 

  • settembre 9, 2017 in 11:42 am
    Permalink

    Ecco perchè non credo più a “certe verità scientifiche” e sono contro l’imposizione dei vaccini.
    Troppi interessi e poche verità girano intorno ai vaccini, una informazione più precisa e affidabile
    avrebbe consentito una reale presa di coscienza e fiducia nel sottoporsi ad alcuni vaccini.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: