Navi al Glifosate: “dal grano alle urine il passo è breve!”

Riportiamo dal sito dell’Associazione GranoSalus:

Mentre la rivista il Salvagente ci annuncia preoccupanti livelli di glifosate nelle urine delle donne in gravidanza, oggi dovrebbe salpare dal porto di Bari la nave canadese TR PRINCE che da una settimana stà scaricando circa 500 mila quintali di grano. Nel frattempo dal Ministro Lorenzin nessuna iniziativa per adottare il divieto verso i grani esteri canadesi, che notoriamente sono pieni di glifosate ed altri contaminanti.

Sembra paradossale eppure nonostante il divieto d’uso del glifosate in Italia siamo costretti a mangiare pasta e pane prodotti con grani esteri contaminati. Se prima erano stati 47 parlamentari di Bruxelles a dimostrare la presenza di glifosate nelle urine, adesso la conferma arriva anche dal Test il Salvagente che ha fatto le analisi alle mamme in gravidanza in collaborazione con l’associazione A Sud, analizzando l’urina di 14 donne incinte. Non in Argentina, dove l’erbicida della Monsanto viene irrorato dagli aerei, ma in Italia, a Roma. Le donne che si sono volontariamente sottoposte allo screening, infatti, vivono in città, lontano da campi agricoli o da aree a rischio. In un’intervista sulle loro abitudini alimentari, hanno anche detto di essere molto attente nella scelta del cibo che portano in tavola.

E allora da dove arriva questo glifosate? Noi l’abbiamo trovato nella pasta. E la pasta viene fatta con grano straniero, come quello appena scaricato nel più importante porto del Sud.

A Bari da circa una settimana oltre 1700 autotreni si sono affrettati a scaricare una enorme nave di grano canadese. Si tratta della TR
PRINCE una Bulk Carrier IMO 9742651 MMSI 538006041 costruita nel 2015, battente bandiera isole Marshall Is (MH) con una stazza lorda di 36353 ton, summer DWT 63671 ton. La nave  è partita da Port Cartier in Canada il 25 aprile scorso alle 23.04 ed è arrivata a Bari il 18 maggio alle ore 20.23, dopo aver fatto la sua ultima sosta di rifornimento a Malta. Perché la nave si è fermata a Malta? Solo per far rifornimento di carburante ?

Migliaia di autotreni hanno provveduto a conferire quel grano nei Silos diAltamura, Corato, Foggia e Melfi, il quadrilatero in cui viene praticamente trasformato la maggior parte del grano italiano ed estero, con cui le grandi aziende italiane producono la famosa pasta.

 

Loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: