Mazzette, Falsificazione e Regali extra lusso, così agisce la Lobby del Farmaco

LA GLAXO ACCUSATA DI CORRUZIONE IN MEDIO ORIENTE PER LO SMERCIO DI UN ANTI-ASMATICO. LA ROCHE E LO SCANDALO TAMIFLU. E POI LA MAXI-MULTA ALLA NOVARTIS: COSÌ LE MULTINAZIONALI FANNO I MILIARDI.

Big Pharma sta uscendo allo scoperto per quello che è: una lobby planetaria, una casta di intoccabili che fa i miliardi sulla pelle dei cittadini, accumula scandali uno dietro l’altro, inventa le malattie prima di sfornare la pillolina miracolosa e ovviamente è impermeabile alla crisi.

Glaxo Smith Kline, gigante britannico dei farmaci, si è comprata i medici di mezzo mondo. Solo ad aprile è stata accusata di corruzione in Libano, Giordania, Iraq e Polonia, dove il manager regionale dell’azienda e 11 dottori sono sotto indagine per un presunto giro di mazzette in cambio della prescrizione del farmaco anti-asmatico Seretide. Nel luglio 2013 è stata incastrata in Cina, dove ha sganciato 320 milioni di sterline per ingraziarsi la classe medica con regali di lusso e prostitute.
IL BOTTO negli Stati Uniti, anno 2012: 3 miliardi di dollari di multe per aver pompato le vendite di antidepressivi per indicazioni non autorizzate. La Roche spaccia il Tamiflu come il farmaco del secolo contro l’aviaria nel 2006 e tre anni dopo l’influenza suina (il virus A/H1N1) ma i ricercatori della Cochraine Collaboration, entrano in possesso dei risultati delle ricerche chiusi negli archivi, dimostrano che è un finto antidoto per una finta pandemia. Poi il cartello con l’altro colosso svizzero, Novartis, per favorire la diffusione del Lucentis, cioè il farmaco più costoso per la cura della maculopatia (1400 euro) contro l’analogo low cost Avastin (15 euro), con maxi-multa dell’Antitrust italiana da 180 milioni di euro. Solo per citare i casi più freschi.

Un po’ di prebende ai politici, magari facendo stampare strenne natalizie alla moglie del senatore o assumendo l’avvenente segretaria del presidente di commissione. I «distaccati» pagati dall’industria ma in servizio presso sindacati o all’ente ministeriale che governa i farmaci. Le «porte girevoli» che fanno transitare alti funzionari pubblici dalle Agenzie alle imprese o viceversa.

Tutto senza trascurare i dottori, che alla fine decidono gloria o miseria di un farmaco. «Io non nascondo la verità: la filtro», diceva Nick Naylor, il lobbista protagonista del film «Tank you for smoking». Il giorno dopo la maximulta al cartello Novartis-Roche abbiamo incontrato il “mister Nick” del farmaco, uno che il lobbying farmaceutico l’ha vissuto sin dai suoi albori, quando i vecchi big della pillola non facevano nemmeno anticamera dai ministri.

«All’inizio era il co-marketing», spiega il nostro mister Nick. «Le multinazionali si appoggiavano ai padri padrone delle grandi industrie nazionali, facevano commercializzare i loro prodotti e in cambio vedevano aprirsi le porte del paradiso della politica che conta, come lo studio del divino Giulio, che aveva Andreotti senior a capo della Bristol farmaceutici». Poi gli americani e gli altri hanno imparato a fare da soli, «ma le parole magiche sono rimaste le stesse: sponsorizzare, assumere». La nostra gola profonda di episodi coloriti ne ricorda parecchi. «Come una delle più grandi industrie italiane che ogni anno regala costosi libri strenna stampati, guarda un po’ dalla moglie di un senatore ex An». Lo stesso che alle 2 di notte nel 2012 fece entrare nella legge di stabilità una norma che, a detta dell’allora ministro Balduzzi, avrebbe messo in pericolo la salute pubblica, abrogando di fatto i controlli sui farmaci emoderivati della Keidron. Impresa del collega senatore Andrea Marcucci del Pd. E poi c’è l’assunzione premio. «Un presidente di Commissione non ha avuto difficoltà a far assumere da una multinazionale come dirigente la sua avvenente segretaria». L’altra parola magica è «sponsorizzazione». «Quando c’è di mezzo un politico che ha voce in capitolo sulla sanità si finanzia di tutto, dal convegno in località esclusiva agli studi più astrusi».
Qui va alla grande il «revolving door», il sistema di porte girevoli. Che però non funziona solo in Italia. Dall’Agenzia europea del farmaco, la potente Ema, nel 2012 è uscito il capo dell’ufficio legale, Vincenzo Salvatore, cha ha traslocato in un mega studio di 1700 avvocati come consulente «sulle procedure che regolano tutti gli aspetti dell’industria farmaceutica».

Thomas Lonngren è stato per dieci anni direttore esecutivo dell’Ema, per passare poi alla Pharma Executive Consulting.
Anni fa la dirigente di Farmindustria, Antonella Cinque, transitò alla Salute come consulente del ministro per poi approdare alla presidenza dell’Agenzia nazionale del farmaco. Tutto questo mantenendo all’inizio persino l’aspettativa in Farmindustria. «Del resto – racconta il nostro lobbista – so di personale dipendente dall’associazione distaccato alla vecchia Commissione unica del farmaco. E la stessa pratica avviene nei sindacati, che hanno sempre firmato i contratti senza un’ora di sciopero».
«Negli anni del lobbismo farmaceutico rampante, c’era una grande industria italiana che regalava una posata per volta ai medici che più prescrivevano i suoi prodotti». «Un servizio d’oro massiccio, che trasformava le mogli dei dottori nelle lobbiste numero uno», ricorda Mister Nick. «Ma poi i tempi sono cambiati e si è passati a smartphone, tablet, anche se oggi la pressione sui medici di famiglia si è ridotta. Troppi controlli delle Asl». «Ora – prosegue- si punta più sui primari perché la spesa farmaceutica si è spostata soprattutto nell’Ospedale». E allora «via con sponsorizzazioni di convegni e ricerche». Magari quelle con dati manipolati per sbandierare vantaggi terapeutici inesistenti. Come il caso di una ricerca clinica sui farmaci anti asma, recentemente denunciato dalla prestigiosa rivista scientifica Lancet.

Loading...

Sulla vicenda, trattata ed analizzata anche da un film, ovvero “Il venditore di medicine“, sbarcato recentemente al cinema riproponendo le ricostruzioni dei fatti dalla visuale di un informatore scientifico, sono state diverse le indagini condotte grazie alle segnalazioni ottenute da professionisti inseriti all’interno del giro, svelando trucchi e segreti delle modalità con le quali avvenivano gli scambi di “favori” tra medici compiacenti e grandi aziende del settore. In particolare, come svelato proprio da un ex informatore scientifico per una nota multinazionale, molto del meccanismo si basava sulle iperprescrizioni garantendo ai medici dei benefit economici forniti sotto forma di viaggi e congressi all’estero, per viaggi di comodo camuffati per giustificare gli esborsi economici da parte delle aziende.

Per favorire tali sistemi le lobby del farmaco avrebbero persino falsificato documenti ufficiali, ciò per far partecipare a convegni dedicati ad un ambito medico, dottori specializzati in altri settori che altrimenti non avrebbero potuto presenziare, facendo venire meno l’interesse delle aziende che non potevano sostenere esclusivi congressi all’estero per tutti gli specialisti inseriti nella rete, ovvia quindi la necessità di raggruppare tutti sfruttando anche le debolezze del Ministero della Salute, i cui controlli sarebbero inesistenti a patto di presentare i dovuti documenti per non destare sospetti: “Spacciavo per cardiologo un medico di base in modo che potesse partecipare al convegno all’estero rivolto solo a chi ha una determinate specialità… il medico deve presentare una richiesta di partecipazione su carta intestata…Io procuravo il timbro con l’intestazione falsa, lui firmava e l’azienda si parava il culo. Taroccavo anche il libretto, quello dove il medico fa le prescrizioni, per dimostrare che era specializzato in quella patologia e non in altre. Tanto l’azienda sapeva che non c’erano controlli”.

Fonti: Il fatto quotidiano, La Stampa, Quelli che la farmacia

Fonte thecancermagazine.blogspot.it

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: