Le autorità libiche hanno arrestato comandante dell’ISIS “Ex Agente Mossad Israeliano”

L’uomo arrestato, Efraim Benjamin, è stato un agente israeliano Mossad che ha iniziato la sua attività a seguito del rovesciamento del governo libico nel 2011 che ha portato all’omicidio del presidente Moammar Ghaddafi, secondo il sito web israeliano Inian Merkazi.

Secondo quanto riferito, l’agente del Mossad ha mantenuto una posizione da leader nell’ISIS con i libici durante la caduta di Ghaddafi. In seguito è diventato un Imam prominente di una grande moschea a Bengasi, la seconda città più grande della Libia, prima di prendere il comando nell’ISIS, a capo di un contingente di oltre 200 terroristi.

Conosciuto in Libia come Abu Hafs, l’agente del Mossad è stato arrestato e accusato dalle autorità libiche di raccogliere informazioni di intelligence per il governo israeliano.

Secondo il sito di Masr Alarabia, Benjamin, aka Hafs, era un “arabo” del Mossad, spie israeliane sotto copertura con caratteristiche arabe e che parlano un arabo fluente e dialetti locali .

Mossad ha una lunga storia sull’utilizzo di “arabi” per infiltrarsi nelle proteste palestinesi e arrestare i manifestanti, nonché assassinare attivisti palestinesi contro l’occupazione, secondo Masr Alarabia.

Confermando apparentemente una connessione Israele-ISIS, una relazione da 15 pagine del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon sul lavoro della Forza dell’Osservatorio delle Nazioni Unite ha rivelato che le forze di difesa israeliane (IDF) hanno mantenuto regolari contatti con lo Stato islamico dal maggio del 2013. Inoltre, il fatto che l’ ISIS non abbia mai tentato un attacco nello Stato di Israele sostiene questa linea di pensiero.

Queste attività sembrano indicare un sostegno coordinato e continuo dello Stato islamico da parte di Israele. In sostanza, gli israeliani hanno usato l’ISIS come forza per abbattere il governo di Assad.

Loading...

In modo discreto, quando gli Stati Uniti avevano avviato l’operazioni contro lo Stato islamico, l’alto comando di Israele era riluttante a sostenere la mossa definendo gli atti degli Stati Uniti un errore .

Per coloro che non capiscono perché Israele avrebbe sostenuto l’ISIS, si scende alla strategia geopolitica. Il governo israeliano percepisce l’alleanza tra Iran e Siria come una minaccia diretta allo Stato ebraico, in quanto entrambe mantengono importanti capacità militari e peso politico.

Il sostegno di Israele all’ISIS sembra confermare il vecchio detto, “il nemico del mio nemico è mio amico”. Oppure…il nemico del mio nemico è mio figlio? …a voi l’ardua sentenza.

loading...

Un pensiero riguardo “Le autorità libiche hanno arrestato comandante dell’ISIS “Ex Agente Mossad Israeliano”

  • settembre 9, 2017 in 9:37 am
    Permalink

    Che sia “Ex agente del Mossad” io ci credo pochino……………………

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: