La “Nuova Italia” è stata “costruita” dai Rothschild, i segreti sulla rete ferroviaria e le differenze tra nord e sud.

di Ninco Nanco

Leggendo un libro di Pietro Ratto ” I Rothschild e gli Altri “, libro che consiglio a tutti, ho scoperto nuove e documentate verità sulla nascita di questa nuova nazione, l’Italia appunto. È incredibile come il nome di una famiglia spunti ovunque nel corso della nostra storia e nei suoi avvenimenti più importanti. Abbiamo già parlato di questa famiglia, i Rothschild, del loro aiuto economico durante il risorgimento e di come l’Italia sia nata già indebitata verso questa famiglia. Ora invece parliamo di quello che è successo dopo aver unito l’Italia con la forza, quando bisognava “costruire”.

In quegli anni i Rothschild investirono il loro patrimonio nelle grandi ferrovie del nord Europa. Le stesse ferrovie dell’Italia centro settentrionale sono state finanziate, costruite con manodopera anche francese e con industrie straniere. Sui libri di testo scolastici, in quella storia (che così veritiera non è) si parla infatti dell’interesse di Cavour per lo sviluppo della rete ferroviaria prima nella sua regione il Piemonte e poi via via, si parla inoltre di industrie straniere impegnate in questo progetto senza specificare che in realtà sono i Rothschild queste “industrie straniere”.

L’Italia grazie a Cavour era nata già indebitata, dunque dovette accettare già da allora le condizioni dei “nuovi padroni” e lasciare campo libero a queste iene della finanza. Mentre la famiglia dei Rothschild era impegnata a finanziare e costruire le ferrovie nell’Italia centro settentrionale così da migliorare i collegamenti con le nazioni confinanti dove avevano investito nello stesso progetto, arrivò un’altra importante famiglia di banchieri ebrei dal Portogallo, i Pereira, pronti fare affari anche loro nella nuova nazione. I Pereira iniziarono a investire nel miglioramento della rete ferroviaria centro meridionale visto che nessuno ancora lo aveva fatto, inconsapevoli del fatto che i Rothschild non amavano la concorrenza, soprattutto sul suolo conquistato con il debito. Nel giro di pochissimi anni infatti i Rothschild riuscirono a sgretolarli grazie alla loro influenza (debito) con i politici europei che penalizzavono i Pereira e soprattuto comprando molte azioni delle società dei Pereira in modo da mandarne giù il valore e poi svendendo di colpo. Giocando sporco distrussero la famiglia dei Pereira.

Ecco chi erano e sono tutt’ora i Rothschild, non è il “complottismo” che li mette in mezzo, sono loro a spuntare fuori ovunque ci sia da guadagnare senza scrupoli.

loading...

Un pensiero riguardo “La “Nuova Italia” è stata “costruita” dai Rothschild, i segreti sulla rete ferroviaria e le differenze tra nord e sud.

  • agosto 9, 2017 in 6:00 pm
    Permalink

    Cosa hanno fatto di veramente buono i nostri ” potentissimi politici di governo e di opposizione ” della MINKYA ???
    Ma…in Italia…c’è mai stata una vera , concreta, OPPOSIZIONE…alle politiche, ai “trattati/accordi” con i predatori, masnadieri, traditori, …truffaldini, ….incompetenti , … mentecatti, …per contrastare ed impedire la SVENDITA DEL PAESE TRA I PIÙ BELLI DEL MONDO….AI MAGNACCI DELL’ALTA FINANZA PLANETARIA…???
    E…il P.C.I.. ….NELLE VARIE SFUMATURE E INCIUCI SOTTOTRACCIA…..DOVE È STATO ….DALLA COSTITUZIONE AD OGGI….CON LO SCUDO INCROCIATO DI DIFESA INGANNEVOLE…SOSTENENDO CHE “NON È MAI STATO AL GOVERNO”….e INVECE…???

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: