La casa del futuro è in canapa: mangia lo smog e protegge da caldo e freddo.

La casa del futuro è in canapa: mangia lo smog e protegge da caldo e freddo.
La fibra di canapa è un materiale dai mille usi e dalle proprietà sorprendenti:
È totalmente ecosostenbile.
È la pianta che produce più velocemente la maggiore massa vegetale, ciò significa che consuma più CO2 di tutti gli altri vegetali per crescere.

Costruire una casa di canapa e calce è un’idea che garantisce un risparmio energetico non indifferente, infatti grazie a questa tecnologia non servirà un impianto di riscaldamento per la casa.
Un grande passo per staccarsi dal circolo vizioso delle energie derivate da fonti non rinnovabili, ed avere una casa perfettamente coibentata e isolata sia termicamente che acusticamente.

Il biocomposto di canapa e calce è la soluzione ideale per tutti, l’uso di materie prime naturali e soprattutto molto presenti in Italia è fondamentale per salvare l’ambiente. Alla casa in canapa servirà solamente un impianto di ventilazione.

I vantaggi della canapa sono:
• E’ una pianta annuale
• Assorbe CO2
• Ha una crescita rapida
• Non necessita d’acqua
• Non servono pesticidi né erbicidi
• Ha ridotti consumi energetici per la coltivazione e la trasformazione
• Contribuisce alla riduzione degli impatti paesaggistico-ambientali e alle escavazioni degli inerti ed emissione polveri sottili

Inoltre…

• ricca di silice
• resiste al fuoco
• ha un’alta traspirabilità
• sostituisce gli inerti
• è un ottimo isolante termico ed acustico
• ha una grande inerzia termica, e un buon sfasamento
• è un regolatore termoigrometrico naturale dei locali
• protegge dalle infestazioni di animali ed insetti
• è leggero e facilmente realizzabile in cantiere ed in opificio
• riduce sensibilmente l’impatto ambientale dell’edilizia
• fonte di benefici economici e sociali per il settore agricolo

Loading...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: