Il Figlio di Pablo Escobar: “papà ha lavorato per la CIA con lo spaccio di cocaina”

Juan Pablo Escobar Henao, il figlio del noto boss del cartello di Medellín, Pablo Escobar, ora dice che il suo padre “ha lavorato per la CIA.”

Nel un nuovo libro, “Pablo Escobar In fraganti” Escobar, che vive sotto lo pseudonimo, Juan Sebastián Marroquín, spiega che il padre lavorava per la CIA con lo spaccio di cocaina, per finanziare la lotta contro il comunismo in America Centrale.

“Il business della droga è molto diverso da quello che abbiamo sognato,” continua.“Quello che la CIA stava facendo era acquistare il controllo per ottenere la droga nel loro paese, un meraviglioso affare.”

“Lui non ha fatto il denaro da solo,”Marroquín ha elaborato in un’intervista, “ma con le agenzie degli Stati Uniti che gli hanno permesso l’accesso a questo denaro. Ha avuto rapporti diretti con la CIA”

In particolare, Marroquín ha aggiunto, “la persona che ha venduto maggior droga per la CIA era Pablo Escobar.”

“Quei collaboratori del governo erano praticamente i suoi partner”, e hanno permesso a Escobar di sfidare la legge, e gli ha dato quasi la stessa potenza di un governo.

Com’era prevedibile, questa informazione è convenientemente assente dai titoli dei media in America.

Loading...

Se il traffico di cocaina CIA negli Stati Uniti suona come una teoria del complotto, ripensateci. Il loro presunto ruolo nel traffico di droga è stato esposto nel 1996 in una serie investigativa esplosiva “Dark Alliance” da Gary Webb per il San Jose Mercury News. L’indagine, guidata da Webb ha rivelato legami tra CIA , contras del Nicaragua e il commercio del crack che devasta le comunità afro-americane.

L’indagine ha provocato proteste di massa e audizioni del Congresso, così come contraccolpo palese da parte dei media tradizionali per screditare la segnalazione di Webb. Tuttavia, decenni dopo, i funzionari si sarebbero fatti avanti per sostenere l’inchiesta di Webb.

El Patron, com’era solitamente chiamato Pablo Escobar, ha accumulato più ricchezza di qualsiasi altro spacciatore di droga nella storia – a un certo punto rastrellava circa 420 milioni di dollari a settimana di fatturato – e secondo come riferito ha fornito circa l’80 per cento della cocaina del mondo. Escobar è atterrato su Forbes nella lista dei miliardari internazionali per sette anni consecutivi.

Escobar e il cartello di Medellín smerciavano tutti i giorni 15 tonnellate di cocaina negli Stati Uniti lasciando una scia di migliaia di cadaveri.

Se quello che Marroquín rivela nel suo nuovo libro è vero, vorrebbe dire che la CIA ha svolto un ruolo importante nel garantire agli americani quantità illimitate di cocaina – mentre il governo degli Stati Uniti ipocritamente inveiva contro la droga per promuovere la guerra alla droga.

Infatti, come osserva acutamente Marroquín, la proibizione delle droghe rende meglio della propaganda pro-droga – la natura di qualcosa che è illegale dà naturalmente maggiore appeal.

Escobar certamente ha usato la violenza, o ordinato ad altri di usare la violenza e di fomentarla in modo efficace in modo da mantenere il potere, ma nonostante tutto questo, è stato soprannominato ‘il Robin Hood’ dopo aver consegnato soldi contanti ai poveri, aver costruito case per i senza tetto, e aver  costruito 70 campi da calcio per comunità, oltre alla costruzione di uno zoo.

El Patron ha incontrato il suo destino nel 1993 da un colpo di pistola mentre cercava di fuggire dalla sua casa che era stata circondata. Tuttavia, le circostanze che circondano la sua morte, sono ancora in discussione oggi. Marroquín insiste che suo padre si suicidò piuttosto che essere girato o catturato dalle forze di polizia inviate a dargli la caccia.

Loading...

In entrambi i casi, l’accumulo di ricchezza di Escobar potrebbe essere visto come un accessorio rispetto al ruolo che ha giocato per la CIA e la guerra alla droga – un’ipocrisia enorme che serve per mantenere le persone agganciate su una sostanza ritenuta illegale da parte dello Stato, in modo che lo Stato può quindi raccogliere i profitti generati dai tribunali, le carceri, e la polizia dal lavoro ‘necessario’ per ‘combattere’ la ‘guerra alla droga’.

“Mio padre era un ingranaggio di una grande business del traffico universale di droga,” Marroquín spiega, e quando non ha più servito, gli assassini sono stati inviati a farla finita con il “problema” – il problema che avevano a creato.

Marroquín, dice inoltre che ha voluto perdonare i membri della sua famiglia per il loro coinvolgimento nel business della droga e il tradimento di suo padre – ma osserva che il perdono non significa dimenticare quello che è successo.

“Pablo Escobar non è affatto un modello di ruolo”, afferma.
“Ammiro Pablo, mio ​​padre, che mi ha educato. Non Escobar, il mafioso. “
“Più potere mio padre aveva,  più da povero ha vissuto.”

 

Traduzione a cura di La verità di Ninco Nanco

Fonte originale: thefreethoughtproject.com

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: