Glifosato: “14 donne incinte su 14 risultano positive all’erbicida”

Il settimanale consumerista ‘il Salvagente’ ha fatto esaminare le urine di 14 donne incinte. Il risultato non avrebbe potuto essere più netto. Tutte senza esclusione sono risultate positive, anche se con livelli molto diversi di contaminazione: da 0,4 nanogrammi per millilitro fino a 3,48. Un piccolo ma significativo campione, anche perché – sottolinea Riccardo Quintili, direttore del Salvagente presentando oggi la ricerca – “si tratta di persone che sono venute a contatto con l’erbicida non per via diretta, ma attraverso i cibi. Insomma, si potrebbe pensare che per le donne che vivono in zone rurali dove l’erbicida viene comunemente utilizzato siano ancor maggiormente toccate dal problema”.

La causa della presenza del diserbante nell’organismo è da ricercarsi nell’alimentazione e nella presenza costante di glifosato nei cibi che portiamo in tavola. I colpevoli non sono solo pasta, farine e farinacei, ma anche carne, latte e derivati, perché oltre l’85% dei mangimi utilizzati in allevamenti sono costituiti da mais, colza e soia Ogm resi resistenti al glifosato.

Come afferma lo stesso Salvagente, “il glifosato non dovrebbe mai essere presente nel nostro organismo, tanto meno in quello dei nascituri”.
“Se non si cambia rotta nessuno può sentirsi al sicuro. Né può pensare che lo siano i propri figli, neppure se non hanno ancora visto la luce”, ha spiegato Riccardo Quintili, direttore del mensile il Salvagente, presentando in conferenza stampa il numero della rivista dedicato proprio al pesticida. “Tra le tante cose da cambiare c’è anche l’atteggiamento di chi dovrebbe istituzionalmente difendere i consumatori e invece spesso si macchia di conflitti d’interesse che ne ottenebrano il giudizio”, riferendosi proprio alla dubbia trasparenza del rapporto dell’Efsa avanzata anche dal settimanale tedesco Die Zeit.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: