Generale Francese: il nostro armamento nucleare diventerà quello del futuro esercito europeo al servizio dei capitalisti

A parlare è Jean-Pierre Combe, capo squadriglia onorario dell’artiglieria e ufficiale di riserva dello Stato Maggiore Generale dell’esercito francese, che ha espresso il proprio parere su in mensile francese, riguardo al generale Pierre de Villiers, comandante delle forze armate francesi, che ha rassegnato le proprie dimissioni dopo uno scontro politico con il Presidente Macron.

Così, mentre Macron continua a sostenere la politica di guerra al di fuori delle proprie frontiere in missioni palesemente imperialiste, alcuni verticiti dell’esercito iniziano a ribellarsi, stanchi di questa politica guerrafondaia a favore non certo del popolo francese, tanto meno dell’Europa, ma a favore dei soliti maiali capitalisti che continuano, nonostante ormai fin troppo grassi, a mangiare e mangiare ancora, e si spera che prima o poi qualcuno di loro scoppi a furia di mangiare.

Ormai stanco di essere una pedina dell’Europa e non al servizio della Francia, Jean-Pierre Combe, ha rilasciato una riflessione al mensile francese (e se a dirlo è l’esercito dovete iniziare a preoccuparvi seriamente, o forse ritrovare quel coraggio per ribellarvi). Ecco le sue parole:

“Le missioni delle nostre armate non sono assegnate dalla nostra Nazione, ma dall’Unione Europea, e non a caso le armi in dotazione ai militari di Parigi non sono più di produzione interna: il fucile francese FAMAS, ad esempio, sarà sostituito da un’arma tedesca. Ma non è solo questione di un fucile: il nostro armamento nucleare diventerà quello del futuro esercito europeo al servizio di una dottrina di impiego di aggressione. Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra! La missione che Macron ha scelto di assegnare al nostro esercito non è la difesa degli interessi nazionali, ma gli interessi dei più grandi capitalisti del nostro Paese che da mezzo secolo hanno i medesimi interessi dei loro colleghi di tutta Europa. Difendere la Patria significa difendere gli interessi di tutti i lavoratori, non gli interessi privati ed egoistici dell’oligarchia capitalista” continua il capo squadriglia Combe, che invita in conclusione anche i soldati semplici a porsi criticamente di fronte a questa tendenza: se non si ferma “prima o poi riceveranno l’ordine di combattere i membri della loro stessa famiglia!”.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: