DIE WELT: ”MACRON S’E’ RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO”

BERLINO – Sic transit fortuna mundi, si potrebbe dire. Ma di sicuro Macron questa fucilata alle spalle non l’aveva prevista, sparata dal chi l’aveva sempre sostenuto, e cioè la Germania: “La reazione del presidente francese Emmanuel Macron alla protesta dei gilet gialli deve suonare come un allarme per la Germania”. E’ quanto scrive oggi il quotidiano tedesco “Die Welt”, evidenziando come Macron abbia deluso le aspettative di politiche riformiste che accompagnarono la sua elezione a presidente della Francia nel 2017, trasformando il paese in una “nuova Italia” dalla prospettiva della Germania.

Per Berlino, infatti, Macron “non e’ piu’ un partner nel salvataggio dell’euro e dell’Ue, ma un fattore di rischio”. Nel discorso alla nazione tenuto nella serata di ieri, 10 dicembre, “invece di passare all’offensiva” contro i gilet gialli con “la visione di una Francia prospera che richiede sacrifici ai suoi cittadini per raggiungere gli obiettivi”, Macron “ha legittimato ex post le proteste proclamando lo stato di emergenza economica e sociale e strisciando verso le folle”.

Per esempio, accogliendo le rivendicazioni dei gilet gialli, Macron ha annunciato che il salario minimo mensile dei francesi salira’ di 100 euro: “in un colpo solo, un incremento pari al totale degli aumenti degli ultimi sei anni”. Salutato in Germania come l’erede in Francia di Gerhard Schroeder, cancelliere socialdemocratico dal 1998 al 2005 noto per le politiche riformiste adottate con feroci tagli a stipendi e pensioni della classe lavoratrice durante il suo mandato, Macron si e’ “rimpicciolito a un Matteo Renzi italiano”, presidente del Consiglio dal 2014 al 2016.

Per “Die Welt”, Macron e Renzi hanno infatti condiviso “il dinamismo giovanile e le promesse di riforma”. Nel caso di Renzi, queste si sono arenate o non sono state mantenute, consegnando l’Italia ai “ciarlatani di destra e di sinistra al governo oggi a Roma”.

Come l’Italia di Renzi, la Francia di Macron potrebbe, dunque, “prendere la strada del fallimento”, sia politico sia economico. “Una brutta notizia per la Germania, sul piano economico e ancor piu’ su quello politico”, scrive “Die Welt”.

Il rischio dell’indebolimento di Macron riguarda soprattutto l’Unione monetaria. Finche’ Germania e Francia resteranno unite, “si puo’ evitare che questa venga trasformata dal Club Med formato da Italia e Spagna in un’Unione dei trasferimenti”.

Qualora la Francia si schierasse, invece, con Italia e Spagna o rimanesse “neutrale nella disputa sull’Unione monetaria, l’intera costruzione vacillerebbe”. Tanto l’euro quanto la Ue.

Loading...

Mentre l’Ue e l’Eurozona necessitano sempre piu’ di una riforma, con la resa di Macron ai gilet gialli, conclude “Die Welt”, la Germania potrebbe dover negoziare “non con un Italia, ma con due”.

via Il Nord

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: