Caro “Libero” aspetta almeno che i soccorritori finiscono prima di attaccare Ischia con mezze verità

Conosciamo tutti sia il direttore che il giornale Libero e suoi modi di fare. Ovvio che come tutti i giornalai è “prezzolato” da una parte della politica italiana, e guai se gli tocchi “gli amici” che lo finanziano. Infatti su quella sottospecie di giornale non peggio degli altri, si butta merda su tutti tranne che su i suoi compagni di merenda, e non dimentichiamo che in quella cerchia politica spiccano persone condannate insieme ai mafiosi, con reati mafiosi! Ma si sa in questi casi la mafia non “esiste” sono solo sbagliate le “sentenze”…mentre per tutto il resto la mafia c’è e tutti i meridionali sono complici e omertosi! Chi difende invece ci fa gli affari con la mafia cos’è?

Così mentre si diverte a pubblicare titoli provocatori per creare polemica, guadagnarci e propagandare, tra un articolo a favore di Israele e uno che dovrebbe impietosirci perché Marcello Dell’Utri sta male in carcere (ma quanto ci dispiace!) e vuole uscire, quando accadono tristi episodi in questo paese, non aspetta, senza rispetto per le vittime, Si sentenzia!

È il caso di Ischia, i soccorritori avevano iniziato a salvare vite che Libero carica l’asso di bastoni: “Se la sono cercati con l’abusivismo” o qualcosa del genere. È vero che c’è un problema di abusivismo ma è anche vero che l’unico pensiero di Libero è guadagnare terreno politico, ovvero la sua continua propaganda politica. Io non credo che se la sono cercata come scrive il tuo giornale, le case abusive di Ischia che dovevano essere abbattute, e chiunque può informarsi, sono li ancora, non le ha distrutte neanche il terremoto. A crollare purtroppo sono stati gli edifici vecchi, non quelli abusivi. Vecchie costruzioni che non hanno resistito alla scossa, ma l’Italia si sà, e bella ma ricca di borghi con costruzioni “vecchie” e gente che non può permettersi di metterle in sicurezza di tasca propria. Abbiamo visto nelle Marche, Abruzzo ecc, i vecchi borghi crollano e le città nuove resistono! Quindi caro “Libero” e chi scrive per te, che mentre le persone venivano tirate fuori dalle macerie da bravo avvoltoio puntavi il dito e aizzavi i seguaci a non impietosirsi, si potevano leggere commenti del tipo “non paghiamo la ricostruzione se la sono cercata sono tutti abusivi” o “si credono furbi e ora stanno sotto le macerie, non mi dispiace”. Ecco il volto più orrendo di questa Italia, e tu ne fai parte “giornalaio”, la tua più che informazione è disinformazione, visto che hai mischiato un problema vero quale l’abusivismo con i crolli che non riguardano quei maledetti edifici. Quindi tu continua a creare il caos e la divisione in questo paese, continua pure questa campagna di odio, ma ricorda che i più svegli lo sanno già, fai parte di quella “cupola marcia” che governa/sgoverna l’Italia, ne hai sempre fatto parte del resto.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: