Australia, dopo il caldo estremo inondazioni “senza precedenti”

di  ANDREA BAROLINI

Coccodrilli nelle strade, 20mila case a rischio, piogge straordinarie. Dopo il gennaio più caldo della sua storia, l’Australia fronteggia i monsoni.

L’Australia ha appena chiuso il mese di gennaio più caldo mai registrato sul proprio territorio. Un’ondata canicolare straordinaria, che ha provocato – e in alcuni casi aggravato – la siccità in vaste zone del paese, in particolare nei territori orientali e meridionali. Ciò ha anche alimentato incendi boschivi e, secondo gli esperti, il tutto è attribuibile ai cambiamenti climatici.

“Piogge simili capitano una volta ogni secolo in Australia”

Se infatti gli episodi di caldo estremo non sono così rari nelle estati dell’emisfero australe, ciò che è stato incredibile in questa stagione è la durata. Allo stesso modo, gli sconvolgimenti climatici mondiali sono probabilmente alla base del radicale cambiamento meteorologico che ha vissuto nei giorni scorsi il nord-est dell’Australia.

Piogge di portata eccezionale hanno si sono abbattute su un’ampia porzione del territorio, provocando inondazioni definite “senza precedenti” dalle autorità locali: “Una cosa del genere capita una volta ogni secolo”, hanno precisato. Lo stato più colpito è quello del Queensland: a Townsville, la terza città più popolosa della regione, sono stati segnalati perfino coccodrilli nelle strade.

Inondazioni Australia
Le inondazioni che hanno colpito parte dell’Australia sono un evento “che si produce una volta ogni secolo”, hanno spiegato le autorità locali © Ian Hitchcock/Getty Images

La polizia locale ha perciò invitato la popolazione a non muoversi nell’acqua. Il governo australiano ha inviato sul posto l’esercito, che ha distribuito 70mila sacchi di sabbia. Nel frattempo, tribunali e scuolesono stati chiusi. E la ricerca degli abitanti intrappolati dall’acqua prosegue giorno e notte. Due corpi senza vita sono stati ritrovati nella mattinata di martedì 5 febbraio.  

Lo stato del Queensland il più colpito

Esattamente come nel caso dell’ondata di caldo, anche in questo caso le dimensioni del fenomeno meteorologico sono considerate largamente superiori al normale. “Non abbiamo mai visto così tanta acqua in tutta la nostra vita. E la pioggia non accenna a diminuire”, ha dichiarato un giornalista di una radio locale.

Loading...

In un bollettino diffuso domenica 3 febbraio, l’ufficio meteorologico dell’Australia aveva messo in guardia sul rischio di precipitazioni eccezionali, aggiungendo che nei giorni seguenti potrebbero verificarsi venti violenti e trombe d’aria. Se le piogge persisteranno, inoltre, potrebbero essere più di 20mila le abitazioni sommerse.

Il sistema di monsoni si sposta infatti in modo estremamente lento, stazionando proprio al di sopra del Queensland. In alcune zone potrebbe cadere l’equivalente della pioggia che ci si attende nel corso di un intero anno, ovvero duemila millimetriin media.

Fonte LIFEGATE

Loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: